Il male degli uomini verso altri uomini

di Salvatore Primiceri – Cosa accade quando l’uomo perde di vista il buonsenso? Accade che diventa incapace di distinguere il buono dal cattivo, il giusto dall’ingiusto. L’uomo privo di buonsenso preferisce fare un uso utilitaristico della ragione la quale sembra offrigli soluzioni giuste ma che in realtà non sono altro che autoinganni. L’uomo senza buonsenso esalta i sentimenti negativi quali l’odio, l’egoismo, la fama di potere, il desiderio di prevaricare, prevalere, comandare. L’uomo senza buonsenso è un pericolo per sé e per gli altri uomini.

Non bisogna avere fiducia nell’uomo“, avvertiva Seneca all’amico Lucilio. Il comportamento umano è paradossale: ci si preoccupa dei terremoti, delle calamità naturali, degli incendi, degli incidenti ma non si tiene in giusta considerazione che il più grande pericolo arriva proprio dagli altri uomini. E’ incredibile di quanta malvagità è capace l’uomo, “l’unico animale in grado di uccidere un suo simile per semplice diletto“, ammoniva Seneca.
Il temporale, prima di scatenarsi, minaccia; l’edificio, prima di crollare, scricchiola; l’incendio, prima di divampare, è preceduto dal fumo; ma il male prodotto dall’uomo è improvviso, e tanto più ti è vicino più si nasconde“.
Ci sono uomini che scappano da altri uomini, come i migranti che fuggono da chi toglie loro futuro e libertà con la repressione e la guerra e sperano in altri che possano accoglierli. Ci sono uomini che fuggono da persecuzioni di altri uomini. Ci sono uomini, tanti uomini, uccisi da altri uomini senza che ve ne sia ragione. La cattiveria umana è la conseguenza di chi dimentica quale sia il dovere di uomini.
Seneca non ha dubbi. Occorre guardarsi dal male degli altri per fuggirlo e non commetterlo mai a propria volta. Bisogna ricordarsi del male per evitare di commetterlo e per impedire ad altri di commetterlo. “Il dovere dell’uomo è quello di non fare male agli altri, di rallegrarsi del bene degli altri, di essere sensibile ai mali degli altri per alleviarne le sofferenze”. Probabilmente, applicando il buonsenso e queste semplici regole, l’uomo non sarà mai completamente al sicuro dal pericolo ma saprà almeno comprendere dove risiede “il buono e il giusto” al fine di non farsi ingannare.
Nel clima cupo che ammorba la società odierna, proviamo a recuperare, nella ragione, nei gesti e nelle parole, l’innato dono del buonsenso, l’unico antidoto al male che ci circonda.

Salvatore Primiceri

Bibliografia:

  • Seneca – Lettera 103 in Lettere a Lucilio (BUR, Rizzoli 2017).

Leave a Reply